Fritole della signora Giulia




La signora Giulia è la mamma di un mio collega. Qualche giorno fa passando dal suo ufficio ho visto queste frittelle sopra la scrivania, di colpo sono tornata indietro, le ho esaminate perché risultavano essere cotte bene e di colore chiaro. Da qui la curiosità e la richiesta della ricetta subito. Detto fatto appena arrivato il messaggio con la ricetta mi sono subito messa all'opera io ho aggiunto solo la vaniglia e il mio rum per dolci (Stroh) fantastico alla ricetta originale. Queste "fritole", che sono di una semplicità come sanno esserelo le ricette delle nonne, sono veloci da fare, morbide, restano molto asciutte e buone sopratutto appena fatte!.


Cosa ti serve
3 uova 
100 gr. di zucchero semolato
150 ml. di vino bianco
2 cucchiai di olio di mais
buccia grattugiata di 1 arancia
1/4 di cucchiaino di vaniglia in polvere 
1 cucchiaio e 1/2 di rum per dolci
1 pizzico di sale 
1 bustina di lievito
300/310 gr. di farina 00
olio di arachide per friggere 
Come si fanno
In un recipiente metti le uova lo zucchero, il vino, l'olio, la buccia grattugiata dell'arancia, la vaniglia, il sale, il rum e con un mestolo (oppure con le fruste) mescola il tempo di far sciogliere un pò lo zucchero. Aggiungi metà della farina, falla amalgamare al resto degli ingredienti, aggiungi il lievito e il resto della farina o comunque quella necessaria per ottenere un'impasto morbido da poter formare delle palline con il cucchiaio. Scalda l'olio a 180 gradi e con un cucchiaio cala nell'olio caldo piccole dosi di impasto. Fai cuocere rigirandole, scola dall'olio e fai asciugare su carta assorbente. Spolverizza con zucchero a velo quando saranno tiepide. A piacere si può aggiungere dell'uvetta sultanina lavata in acqua calda e asciugata.



A presto Stefania



Castagnole


Difficile tornare dopo tanto tempo ma voglio provarci ugualmente.
Viste ancora due anni fa da Alessia finalmente le ho provate. Buone, soffici anche il giorno dopo, non ho cambiato nulla dalla ricetta originale se non la dose e il tipo di liquore. La ricetta è di N. Lavini, ho seguito anche gli ottimi e utili consigli dati per la preparazione.


Cosa ti serve
450 gr. di farina 00
50 gr. di fecola di patate
100 gr. di zucchero semolato
75 gr. di tuorli (4/5 uova dipende dalla misura)
25 gr. di burro fuso
75 gr. di olio mais
buccia grattugiata di 1/2 limone
l'interno di 1/4 di bacca di vaniglia
4 gr. di sale
9 gr. di lievito
125 gr. di panna fresca liquida
100 gr. di latte intero
25 gr. di rum per dolci
Come si fanno
Setaccia la farina con la fecola e il lievito.
Nel recipiente della planetaria con la frusta lavora i tuorli con lo zucchero, la buccia di limone grattugiata il sale e la vaniglia. Aggiungi, versandoli a filo e continuando a lavorare con la frusta, il burro fuso e l'olio creando un'emulsione. Aggiungi il latte e la panna miscelati assieme e intiepiditi ad una temperatura di 30-35 gradi. Sostituisci la frusta a fili con la frusta a foglia. Aggiungi le farine con il lievito e impasta il tempo necessario per incorporare il tutto ed ottenere un sorta di frolla molto morbida. Trasferisci l'impasto su una teglia e appiattiscila di uno spessore di circa 2 centimetri, copri con pellicola per alimenti e metti in frigo a rassodare per qualche ora. Trasferisci l'impasto su una spianatoia e ritaglia delle strisce e forma dei salamini di circa 2 centimetri di spessore. Taglia a pezzetti di 2 centimetri di lunghezza. Passale al setaccio per eliminare eventuali residui di farina e friggi nell'olio caldo a 175-180 gradi (non far scendere la temperatura dell'olio al di sotto dei 175° altrimenti le castagnole si spaccano ed assorbono olio) finché saranno dorate. Sgocciola e fai asciugare su carta assorbente, fai rotolare nello zucchero semolato oppure spolverizzare con lo zucchero a velo.



A presto Stefania


Settembrini

Rivisitazione di una ricetta vista in giro nel web, sono una riproduzione molto simile a dei biscotti proposti, ma ora non più in produzione e che a me piacevano tantissimo, di una nota casa di prodotti dolciari.
Cosa ti serve
500 gr. di farina 00
200 gr. di burro
180 gr. di zucchero
1 uovo medio
5 amaretti sbriciolati
100 ml. di latte
1 cucchiaino di vaniglia in polvere
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale
confettura di fichi (ca. 500 gr.)
Come si fanno
Setaccia la farina con il lievito.
Nel recipiente della planetaria lavora il burro con lo zucchero, la vaniglia e gli amaretti polverizzati. Aggiungi l'uovo, il latte, il sale e infine la farina con il lievito. Unisci il tutto velocemente, trasferisci l'impasto su un piano infarinato, forma un panetto (l'impasto sarà morbido) e avvolgilo con pellicola per alimenti. Mettilo a riposare in frigorifero per qualche ora. Dividi l'impasto in due parti e stendile, una per volta, di uno spessore di 1/2 centimetro formando un rettangolo di cm.32X30. Ricava ora dall'impasto steso delle strisce di cm. 8 di larghezza, distribuisci al centro del rettangolo e per tutta la lunghezza la confettura, arrotolalo chiudendo i bordi. Trasferisci subito il rotolo chiuso su una placca da forno rivestita con carta forno facendo in modo che la chiusura dei bordi vada sotto il rotolo.
Metti in forno caldo a 180° per circa 15-20 minuti. Appena saranno pronti, ancora caldi, tagliali a trancetti di circa 4 centimetri e fai raffreddare.

A presto Stefania

Bensone alla confettura di prugne


Visto e rivisto ma mai provato, la ricetta lì in attesa, da provare. Mi ha sempre dato l'idea che il suo sapore fosse di ciambelle di una volta. Quelle che si facevano senza stampo semplicemente formando un rotolo e poi unendo le estremità, insomma uno di quei dolci che sanno di..nonna. Questa mattina mi è capitata tra le mani un vasetto di confettura alle prugne fatto lo scorso anno e così finalmente l'ho provato. Buono, è proprio come pensavo, secondo me nel latte o nel tè deve essere perfetto; domani lo provo.
Cosa ti serve
500 gr. di farina 00
150 gr. di zucchero semolato
100 gr. di burro morbido
2 uova + (1 per spennellare)
1 tuorlo           
1 bustina di lievito per dolci
buccia grattugiata di 1 limone
½ cucchiaino di vaniglia in polvere
3-4 cucchiai di latte
1 pizzico di sale 
confettura di prugne
zucchero in granella
Come si fa
Nel recipiente della planetaria, oppure su una spianatoia, miscela la farina con lo zucchero, il sale e il lievito. Aggiungi le 2 uova e il tuorlo, 3 cucchiai di latte, il burro a tocchetti e lavora il tutto per bene, dovrai ottenere un impasto omogeneo, eventualmente aggiungi ancora un po’ di latte. Fai riposare l’impasto in frigorifero per mezz’ora avvolto nella pellicola.
Prendi dal frigo l’impasto riposato, lavoralo brevemente e stendilo, sopra un foglio di carta forno, formando un quadrato di circa cm. 25x25, centimetro più centimetro meno, stendi la confettura lasciando circa 1-2 centimetri di bordo. Aiutandoti con la carta forno ripiega in tre in modo da avere la parte liscia sopra, quindi senza giunture che andranno sotto.
Pratica un leggero taglio al centro per quasi tutta la lunghezza. Batti leggermente l’uovo,  spennella la superficie del dolce e cospargi con lo zucchero in granella. 
Metti in forno caldo a 180° per circa  40 minuti.



A presto Stefania

Designed by FlexyCreatives