Zaleti o zaèti




I zaèti o zaletti, zalletti o ancora zaleti, che in dialetto veneziano significa giallini,  sono dei biscotti particolari che prendono il loro nome dal colore giallo dato dall'ingrediente principale: la farina di mais gialla. 
Biscotti ricchi non tanto negli ingredienti ma nel gusto tanto da far scrivere di loro, nel 1891 nel suo "La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene" il Pellegrino Artusi e prima ancora nel 1803 il Vincenzo Agnoletti nel suo "La nuova cucina economica". 
I zaleti sono molto diffusi qui nel Veneto come il famosissimo "Bussolà", ma è sopratutto nelle province di Venezia, Padova e Treviso che la produzione è più concentrata e dove troviamo anche alcune varianti. Alcuni oltre l'uvetta nell'impasto inseriscono anche i pinoli oppure sostituiscono l'uvetta con le gocce di cioccolato. Nella provincia di Padova si producono anche con l'aggiunta di giuggiole dei Colli Euganei.
Qui nella provincia di Venezia io li ho sempre visti in questa forma, a piccole losanghe leggermente assottigliate alle estremità. 


Ingredienti
per circa 55-60 pezzi

200 gr. di farina 00
200 gr. di farina di mais gialla " fioretto"
120 gr. di zucchero
200 gr. di burro
2 tuorli di uova medie
1 pizzico di sale
5 gr. di lievito o ammoniaca per dolci
100 gr. di uvetta sultanina
2-3 cucchiai di rum o grappa
buccia di arancia o limone grattugiata
l'interno di 1/2 bacca di vaniglia oppure 1 bustina di vanillina

Come si fanno

Lava l'uvetta in acqua tiepida e mettila a macerare nel rum. Intanto mescola le due farine con il lievito.
Lavora il burro con lo zucchero, la buccia di arancia e la vaniglia, aggiungi i tuorli, le farine con il lievito o l'ammoniaca per dolci e infine il sale e l'uvetta strizzata dal rum. Impasta il tutto velocemente, forma con la pasta 4-5 cilindretti di circa 3 cm. di diametro e metti a riposare in frigo per almeno mezz'ora.
Dai cilindri di pasta taglia delle fette di circa 1 cm. di spessore, forma delle palline che trasformerai in losanghe dello spessore di circa 1 cm. al centro e lunghe 5 cm. e leggermente assottigliate alle estremità.
Disponi le losanghe su carta da forno e falle cuocere in forno già bello caldo a 180° fino a quando saranno belli dorati ai lati, circa 15-18 minuti.









A presto...Stefania





Pound cake


Lo so è burrosissima ! però ero troppo curiosa  e così per una volta almeno dovevo provarla... buonissima, non proprio light, ma per una volta si può!
E come non bastasse, e per non farci mancare nulla, ci ho pure messo un po' di confettura nell' impasto.


Ingredienti 

300 gr. di burro
6 uova
200 gr. di panna acida
400 gr. di farina
1 cucchiaino di lievito per dolci
220 gr. di zucchero
1 cucchiaino aroma vaniglia
confettura di fragole o altro

Come si fa

Setaccia la farina, aggiungi il lievito.
Lavora il burro morbido con lo zucchero fino ad ottenere una crema montata e bella soffice, aggiungi le uova una per volta incorporando bene prima di ogni aggiunta. 
Aggiungi la vaniglia e la farina con il lievito alternandola con la panna acida.
Quando gli ingredienti saranno ben amalgamati versa metà del composto in uno stampo a ciambella e cola sopra alcune cucchiaiate di confettura, versa sopra il rimanente composto, con l'aiuto di un coltello forma dei vortici nell'impasto in modo da distribuire la confettura.
Metti in forno caldo a 180° per 10 minuti poi a 160° per circa 45 minuti o comunque finché inserendo al centro uno stecchino questo ne esce asciutto.
Fai raffreddare per dieci minuti, sforma il dolce e fai raffreddare su una griglia.
Spolverizza con lo zucchero a velo prima di servire.




A presto...Stefania




Crostata di fichi freschi con crema al limone



E anche quest'anno come l'anno scorso, ho fatto la mia bella litigata con le api, i moscerini vari ed erbacce altissime ma non ho resistito e ho preso questi bei fichi da due enormi alberi completamente abbandonati (spero che la proprietaria non mi legga).
Questa volta ho fatto una crostata con una crema al limone che ho letto da qualche parte e  che mi ero annotata per il modo curioso in cui viene eseguita e cioè tritando il limone con buccia sia la parte gialla che la parte bianca, così com' è. Pensavo che la parte bianca del limone conferisse un gusto amaro invece è buonissima molto simile al lemon curd.


Ingredienti
per uno stampo rettangolare 35x11 oppure uno stampo rotondo di 22 cm. di diametro

Pasta frolla
250 gr. di farina
125 gr. di burro
125 gr. di zucchero
1 uovo
1 tuorlo
buccia di 1/2 limone grattugiata
1 pizzico di sale

Per il ripieno
2 uova
1 tuorlo
90 gr. di zucchero
1 limone naturale non troppo grande
1 cucchiaio abbondante di succo di limone
45 gr. di burro  
20 gr. di amido di mais
12-15 fichi freschi
zucchero a velo per spolverizzare

Come si fa

La pasta frolla
la quantità di frolla che ne esce con queste dosi è un po' abbondante ma puoi conservare l'eccedenza in freezer o fare dei buonissimi biscotti.
Lavora il burro con lo zucchero e la buccia grattugiata di limone, aggiungi le uova e infine la farina con il sale. 
Impasta il tutto velocemente, forma un panetto, avvolgilo con pellicola per alimenti e metti in frigo a riposare per almeno 1 ora.
Il ripieno
Taglia il limone a fettine, mettile dentro a un mixer con lame e riducilo a pezzetti, aggiungi lo zucchero, l'amido di mais, le uova, il succo di limone e il burro morbido e frulla il tutto in modo che il limone sia finemente tritato.
Stendi la frolla, rivesti uno stampo da crostata, buca con una forchetta il fondo rivesti con un foglio di alluminio e stendi sopra gli appositi pesetti (o i più comuni ceci) e cuoci in forno caldo a 180° per circa 10-15 minuti, dopodichè rimuovi i pesetti e continua la cottura per un tempo totale di 25 minuti.
Versa la crema ottenuta nel guscio e rimetti in forno per altri 12 minuti circa o comunque finchè la crema si sarà rassodata. Fai raffreddare e disponi sopra il ripieno i fichi tagliati a spicchi o a fettine, spruzza i fichi con del succo di limone, se non servi subito, e spolverizza con lo zucchero a velo.






A presto...Stefania




Lemon cake

Dopo aver provato questo di P. Hermè, da un po' di tempo, avevo tra gli appunti anche questo lemon cake di C. Felder e ieri, anche se c'era un bel caldo, con grande coraggio ho acceso il forno finalmente l'ho fatto. 
Molto buono e profumato, io personalmente lo preferisco senza la glassa.


Ingredienti
per uno stampo da plum cake di cm. 25x10

190 gr. di farina
70 gr. di burro fuso freddo
250 gr. di zucchero (io 200)
4 uova
1/2 bustina di lievito  (8 gr.)
100 ml. di panna fresca liquida
1 pizzico di sale
2 limoni
Per la glassa:
1 cucchiaio confettura di albicocca setacciata
succo di limone
180 gr. di zucchero a velo

Come si fa

Fai fondere il burro e mettilo da parte.
Grattugia la buccia dei limoni, setaccia la farina con il lievito.
In una ciotola batti le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto cremoso.
Aggiungi la buccia di limone grattugiata, la panna e mescola delicatamente. Aggiungi anche la farina con il lievito sempre continuando a mescolare delicatamente.
Infine aggiungi il burro fuso in precedenza e fatto raffreddare e, per ultimo, il sale.
Versa l'impasto in uno stampo da plum cake e metti in forno a 180° per 10 minuti e poi abbassa la temperatura a 160° per altri 30 minuti circa.
Per la glassa:
spalma il dolce appena sfornato con un velo di confettura di albicocche e fai asciugare bene (altrimenti la glassa scivola giù).
Mescola lo zucchero a velo con il succo di limone in modo da ottenere una glassa non troppo liquida e versala sul dolce sopra la confettura, fai asciugare bene prima di servire.







A presto...Stefania




Torta semplice di albicocche e la "Marmor & Marillen"


Il fine settimana scorso l'ho passato in Alto Adige e finalmente sono riuscita a vedere la festa gastronomico-culturale "Marmor & Marillen" che si tiene a Lasa un paese a pochi chilometri da Silandro. Durante questa festa si possono ammirare gli scultori del marmo mentre creano le loro opere e si possono gustare i piatti tipici della Val Venosta quasi tutti a base di albicocca. Per l'occasione ho assaggiato i famosi canederli di albicocche (Marillen Knödel) buonissimi!
E con le ultime albicocche che vengono dalla Val Venosta ho fatto un dolcetto velocissimo e semplice


Ingredienti 
per uno stampo quadrato di cm. 18x18
oppure rotondo da cm. 20 di diametro

130 gr. di farina
120 gr. di zucchero
100 gr. di burro morbido
1 cucchiaino di lievito
2 uova
1 pizzico di sale
5 albicocche

Per decorare
qualche pistacchio
zucchero a velo

Come si fa

Burro morbido battuto a spuma con lo zucchero, aggiungi le uova uno per volta facendo ben incorporare il primo prima di aggiungere il secondo. Unisci la farina mescolata al lievito e infine il sale. Versa il composto ottenuto nella teglia imburrata e infarinata (la mia teglia non necessita di questa operazione), lava e asciuga le albicocche, dividile a metà, togli il nocciolo e adagiale sopra l'impasto con la parte tagliata rivolta verso l'alto. Metti in forno caldo a 180° per circa 40 minuti o comunque finché inserendo uno stecchino al centro del dolce questo ne esce asciutto. Fai raffreddare e decora come più ti piace.

Prima o poi li faccio... intanto per non sbagliare li ho mangiati qui dove li sanno fare.


La festa "Marmor & Marillen si svolge nella piazza del paese, ci sono le bancarelle dove puoi acquistare delle ottime albicocche della Val Venosta e altri prodotti tipici


mentre i bambini giocano, in spazi dedicati a loro, con la polvere di marmo 


e si divertono a rompere i noccioli delle albicocche per mangiarne il contenuto.


E gli scultori del marmo eseguono le loro opere









A presto...Stefania




Designed by FlexyCreatives